Bibbia e potere: le dinamiche che vogliono la morte di Charlie Gard

di Giovanni Marcotullio Capita quasi ogni giorno, che la Liturgia delle Ore della Chiesa cattolica illustri la cronaca quotidiana meglio di come fanno i giornali. Non per nulla ho chiamato “Breviarium” questo blog: oggi abbiamo assistito attoniti al surreale scambio di battute tra il surreale ministro degli Esteri italiano (dall'inglese più surreale di quello di Renzi), … Leggi tutto Bibbia e potere: le dinamiche che vogliono la morte di Charlie Gard

Cascioli (e Socci), Grillo (e Maradiaga), fate una cosa: rileggetevelo tutti – Sarah

di Giovanni Marcotullio A me sembra che la “dittatura del rumore” – che l'ultimo libro-intervista del cardinal Robert Sarah programmaticamente e fin dal titolo avversa – stia mettendo a segno punti inquietanti, in questi giorni. Pare di assistere a una mostruosa evoluzione del “chiacchiericcio” che a suo tempo Benedetto XVI stigmatizzò: il virus colpisce naturalmente i detrattori … Leggi tutto Cascioli (e Socci), Grillo (e Maradiaga), fate una cosa: rileggetevelo tutti – Sarah

La Francia e noi: per un cattolicesimo “senza complessi”

di Giovanni Marcotullio Apprendiamo da un sondaggio di IFOP realizzato per Pèlerin e per La Croix come il 71% dei cattolici francesi che praticano regolarmente abbia dato il proprio voto a Macron. La qual cosa deve far riflettere, considerando quanto il programma del candidato di En Marche! sia subdolamente corrosivo per la Chiesa, per la … Leggi tutto La Francia e noi: per un cattolicesimo “senza complessi”

Jean Mercier e quel “don Camillo” di cui avevamo bisogno

di Giovanni Marcotullio Mentre leggevo Monsieur le curé fait sa crise, di Jean Mercier, mi si imponeva viva l'immagine di Antonio Canova che febbricitava per il Cristo Velato di Giuseppe Sanmartino: pare che lo abbiano sentito affermare che avrebbe volentieri rinunciato a dieci anni di vita, per esserne l'autore. Ora, poiché io non sono Antonio Canova e … Leggi tutto Jean Mercier e quel “don Camillo” di cui avevamo bisogno

San Pietroburgo e l’identità che (non) può salvarci

di Giovanni Marcotullio San Pietroburgo dopo Londra. La Russia come il Regno Unito, che Europa non è (più), e la Corona di Elisabetta II come l'oligarchia tecnocratica che riveste l'istituzione del Vecchio Continente. È una guerra senza quartiere: non si scampa né isolandosi dal gruppo né guadagnandosi la parte dell'orso della steppa. Pochi giorni fa anche … Leggi tutto San Pietroburgo e l’identità che (non) può salvarci